27 febbraio 2017

mele fritte

la idéntica receta en Argentina icon

E' vero, a carnevale ogni...... fritto vale!!! Castagnolecicerchiatachiacchiere....
Allora perché non provare a preparare queste squisite mele che rinchiudono in sé sia il dolce che la frutta?
L'unica accortezza che bisogna avere sta proprio nella scelta delle mele che devono essere rigorosamente del tipo "renette", o al massimo possiamo ripiegare sulle "golden", se vogliamo che non si dissolvano nell'olio.

Vediamo che altro ci serve per prepararle:

mele renette o golden 4; zucchero 200 gr + 3 cucchiai; farina 200 gr; uovo 1; marsala ½ bicchiere; latte circa ½ bicchiere; zucchero a velo; sale 1 pizzico; olio per friggere.

Con l'apposito coltellino togliamo i torsoli a le mele, le sbucciamo e le tagliamo a rondelle alte poco più di ½ cm che andremmo a far macerare con 2-3 cucchiai di zucchero ed il marsala per alcuni minuti.


Nel frattempo prepariamo la pastella; sbattiamo l'uovo, aggiungiamo lo zucchero dopodiché incorporiamo la farina ed il latte un po' alla volta. La pastella non deve essere ne troppo liquida ne troppo consistente, deve lasciar cadere come un filo quando sollevate la frusta da cucina.


Scoliamo le fette di mele una alla volta, le passiamo nella pastella e le tuffiamo nell'olio bollente. Una volta cotte da ambo i lati le tamponiamo delicatamente con della carta assorbente, le sistemiamo su un piatto di portata, le spolveriamo con lo zucchero a velo e.......
FELIZ CARNAVAL PARA TODOS!!!!

26 febbraio 2017

torta di banane, noci e crema diplomatica

la idéntica receta en Argentina icon

Mentre preparavo questo dolce non ho potuto fare a meno di ripensare a quando tanti anni fa la base di ogni torta farcita era costituita dalla torta margherita..... Sinceramente non ricordo effettivamente quando l'ho sostituita con il pan di spagna, l'unica cosa che ricordo molto bene è che quel giorno avevo proprio poco tempo ed è stato così semplice comprarla, tornare a casa e farcirla.... in men che si dica la torta era pronta!!!
Gli ingredienti che ci servono sono:

Pan di spagna 1; banane 2-3; arance 2; liquore all'arancia 1 bicchierino; crema pasticcera; panna 100 ml; zucchero a velo 30 gr; noci tritate 150 gr.


Sbucciamo le banane, le tagliamo a rondelle, le irroriamo con il succo di 1 arancia e ½ bicchierino di liquore e le lasciamo macerare per circa 15-20 minuti.
Intanto montiamo la panna con lo zucchero a velo che incorporeremo delicatamente alla crema pasticcera fredda.

Tagliamo il pan di spagna in tre parti uguali, bagniamo il primo strato con il succo dell'altra arancia mischiato con il resto del liquore.
Vi distribuiamo sopra poco meno di ⅓ della crema, adagiamo sul bordo le rondelle di banana e spolveriamo con poche noci tritate. Sistemiamo sopra l'altro disco di pan di spagna e ripetiamo la stessa operazione di prima. Bagniamo la calotta dalla parte interna, la rigiriamo e copriamo la torta.

Spalmiamo sia sopra che ai lati della torta tutta la crema rimasta, decoriamo la parte superiore con le rondelle di banana e le noci tritate. Portiamo in frigo per almeno 3 ore e.....

BUENA GHIOTTONERIA A TODOS!!!

25 febbraio 2017

salsicce di maiale con verdure

la idéntica receta en Argentina icon

Ai tempi dei tempi....appena ventenne, ero vegetariana convinta e molto ferrea. L'aver rinunciato alla carne non costituiva nessun problema per me.... ad eccezione delle salsicce: grande ghiottoneria!!!
Come si fa a non mangiarle arrostite, cotte con il sugo, o d'inverno accompagnate con le rape oppure il tradizionale piatto di "salsicce alla contadina" preparate con fagioli 😋...ai cui aggiungere anche delle erbette varie. Vi è chi questo piatto invece lo prepara con funghi secchi e pancetta...
Vi racconto come lo preparo io e quali ingredienti uso:


salsicce di maiale fresche 8; patate 3-4; peperone rosso 1 grande; cavolfiore ½; aglio 4 spicchi; vino rosso ¼ bicchiere; olio d'oliva e sale

Prima di tutto laviamo e tagliamo a strisce corte il peperone che faremmo cuocere in un tegame con dell'olio d'oliva, due spicchi d'aglio e un pizzico di sale.
Tagliamo a cimette piccole il cavolfiore che faremo cuocere al vapore, si può anche lessare, solo che bisogna scolarlo molto bene.



Intanto tagliamo le patate a pezzetti medi e le lasciamo rosolare, in un tegame molto capiente, con due spicchi d'aglio, per scarsi 10 minuti.
Aggiungiamo le salsicce intere e lasciamo rosolare per qualche altro minuto prima di tagliarle in tre pezzi. Rigiriamo, bagniamo con il vino rosso e lasciamo cuocere coperchiato.

Qualche minuto prima della completa cottura aggiungiamo le cimette di cavolfiore, saliamo e rigiriamo per far insaporire bene il tutto.
Uniamo i peperoni, serviamo con abbondante pane casereccio e....

BUEN PROVECHO!!!

20 febbraio 2017

risotto con gli ossibuchi

la idéntica receta en Argentina icon
Il risotto con gli ossibuchi è un piatto da gustare nelle giornate fredde d'inverno, oltre ad essere un piatto tipico Milanese...... tradizione molto lontana dalle mie radici abruzzesi e campane.
Sarà proprio per questo che mia mamma lo preparava diversamente aggiungendole un tocco argentino??

Gli ingredienti che ci servono sono:

riso 350 gr; ossobuco di vitello 4; farina; zafferano 1 bustina; vino bianco ½ bicchiere; brodo di carne 1 lt; cipolla 1; formaggio grattugiato; olio d'oliva e sale.

Sistemiamo in un tegame capiente la cipolla tagliata a rondelle molto sottili con
l'olio d'oliva e gli ossibuchi che avremmo infarinato precedentemente, lasciando soffriggere a fuoco medio-alto da entrambi i lati. Saliamo, bagniamo con il vino bianco e lasciamo cuocere per circa 15-20 minuti, coperto, a fuoco medio.
Se fosse necessario aggiungeremo qualche cucchiaio di brodo caldo, lasciando quasi asciugare prima di aggiungere il riso.
 Lo lasciamo tostare per pochi minuti ed aggiungiamo un poco alla volta il brodo di carne rigorosamente caldo fino alla sua quasi completa cottura.


Facciamo sciogliere lo zafferano in un bicchiere con del brodo caldo e lo andiamo ad aggiungere al risotto. Rigiriamo, lasciamo insaporire e colorare prima di servirlo con abbondante formaggio grattugiato e.......

BUEN PROVECHO!!!

18 febbraio 2017

ciambella salata ripiena con salame e formaggi

la idéntica receta en Argentina icon
Quasi 2 mesi fa avevo preparato questa pizza a forma di ciambella insieme ad altri tipi di pizza.... avevo documentato il tutto scattando, rigorosamente, le foto.
Solo che, come mi accade sempre più spesso ultimamente, sono rimaste ferme nel cassetto insieme a tante altre.



 Non credo di riuscire a cucinarla per questa sera, tuttavia se può esservi utile vi racconto come fare a prepararla e quali ingredienti ci servono:

impasto per pizza; salame 300 gr; formaggio fresco 200 gr; emmenthal 200 gr; tuorlo d'uovo 1.
In alternativa si possono utilizzare: prosciutto cotto o crudo; mortadella; speck; mozzarella; fontina; provolone.



Se volete preparare voi l'impasto della pizza    ammassate 350 gr di farina con 60 gr d'olio d'oliva, 10 gr di lievito di birra sciolto in ½ bicchiere di acqua, scarsi 20 gr di sale fina ed aggiungete, un po' alla volta, circa 200 ml di acqua, ammassando fino a quando l'impasto non si attacchi più alle mani, lasciando poi lievitare per 2-3 ore coperto. Personalmente preferisco ammassare la pizza la mattina e lasciarla lievitare fino a sera riducendo la dose di lievito in 5 gr.
Intanto tagliamo il salame ed i formaggi a cubetti.


Stendiamo l'impasto dandogli una forma rettangolare e sopra vi distribuiamo il salame ed i formaggi tagliati. Arrotoliamo delicatamente facendo una leggera pressione.
Consiglio: Lasciate dello spazio vuoto sia ai lati che verso la fine dell'impasto per evitare fuoriuscite sia nel momento in qui andrete ad arrotolare la pizza sia durante la cottura.


Sistemiamo il rotolo in uno stampo da ciambella precedentemente oleato e lasciamo riposare per 30 minuti. Spennelliamo la superficie con il tuorlo d'uovo sbattuto ed inforniamo a 180° per circa 30 minuti ( sempre in base al forno) e.....
BUEN PROVECHO!!!

14 febbraio 2017

un cuore per san valentino


si quieres leerlo en Argentina icon
14 febbraio, San Valentino, giorno degli innamorati. 
Giorno in cui si va all'affannosa ricerca di frasi, di poemi e di canzoni che innalzino l'amore. Giorno in cui si è invasi di cuori rossi o blu, morbidi o ripieni di cioccolatini, di rose rosse.... tutto rigorosamente da regalare in nome dell'amore. Per poi concludere il tutto, romanticamente, con una cena a lume di candela ....... 
Pensare che questa ricorrenza diventa sentimentale ed idilliaca grazie alla chiesa Cattolica che la istituisce, alla fine del 400 d.c., per cancellare dalla vita degli antichi romani la festività pagana dei Lupercali (in onore del dio Luperco) i cui riti erano molto più fisici che affettivi. E' Papa Gelasio I chi dedica questa festività a San Valentino, sul quale si hanno tante leggende e poche certezze.


Dovranno trascorrere tanti secoli prima che diventi una festa in cui gli innamorati si scambiano i regali ..... per la gioia di tanti commercianti e di tanti altri che negli anni sono nati in nome di questa giornata 💖.... 
Negli anni successivi, crescendo, abbiamo continuato a ripeterci che non ci voleva un giorno speciale per amarci.... ma che tutti i giorni dovrebbero essere una grande festa.... Ciò nonostante in fondo, e tante volte nascondendolo, ci siamo lasciati trascinare, perché, siamo sinceri, ogni scusa è buona per festeggiare!!!
Se vogliamo sentirci meno in colpa per un consumismo sfrenato che oggi non si può più fare e sentirci più in armonia con il mondo reciclando, sarà sufficiente dare una nota di colore ad un cuore già regalato; ad esempio come ho fatto in questo caso: incollando tutto intorno un nastrino, uno di quelli che abbiamo a casa, ed aggiungendo un'altro cuore più piccolo al centro 


E considerato che negli anni abbiamo allargato la cerchia degli amori, riconoscendo  
che non si è innamorati solo della propria dolce metà, ma bensì di tutto quello che fa parte della nostra vita; la famiglia, gli amici, i nostri amici a quattro zampe o anche a due 🐦, l'amore per il cibo ed il vino, per la vita..... allora ognuno può mettere nel proprio cuore ciò che ama e festeggiarlo....


BUON SAN VALENTINO A TODOS!!!