24 agosto 2016

24 agosto ore 3:36

si quieres leerlo en Argentina icon
Con il cuore a pezzi rivolgo una preghiera per tutti coloro che hanno vissuto questa grande tragedia; a tutti coloro che purtoppo non c'è l'hanno fatta; a chi è rimasto ferito; a chi ha perso tutto in una frazione di secondo; a tutti coloro che stanno lavorando incesantemente tra le macerie; a coloro che si stanno attivando per dare cure e protezione...... 



rivolgo una preghiera silenziosa dal profondo del cuore per tutti......

12 agosto 2016

salsa ketchup fatta in casa

la idéntica receta en Argentina icon
POMODORI, POMODORI, POMODORI; e se guardo un po' più in là nell'orto che vedo? Altri POMODORI!!!
Li sto preparando in tutte le salse, con tutto ciò dovrò ingegnarmi ulteriormente....
Si potrebbe provare a preparare la salsa ketchup. Ho visto diverse preparazioni, questo risultato è un po' l'insieme di alcune. Se volete provare anche voi vi dico quali sono gli ingredienti che ci servono, per ottenere 2 vasetti di 300 ml circa:

pomodori tondi lisci1 kg; peperone rosso 1; cipolla piccola 1; aglio 1 spicchio; basilico 6 foglie; prezzemolo 1 ciuffetto; lauro 1 foglia; salvia 1 foglia; peperoncino ½; zucchero 1 cucchiaio da tavola; maizena 1 cucchiaino colmo; chiodi di garofano; cannella in polvereaceto di mele 60 ml; olio d'oliva 1 cucchiaio da tavola; sale grosso.




Dopo aver lavato i pomodori li tagliamo a pezzetti, con tutta la buccia e li sistemiamo in un tegame con dell'olio d'oliva, lo spicchio d'aglio tagliato a rondelle sottili, la cipolla sbucciata e tagliata a pezzetti, il peperone, anch'esso tagliato a pezzetti dopo aver eliminato il picciolo, i semi e le parti bianche, ed il ½ peperoncino (se volete che la salsa sia più o meno piccante il quantitativo regolatelo a vostro gradimento) .
Portiamo i tegame sul fornello e cuociamo il tutto a fuoco medio-basso, rigirando ogni tanto, per circa un'ora e comunque fino a quando la salsa diventerà densa.

A quel punto uniamo il prezzemolo, il basilico, il lauro e la salvia tagliuzzati. Togliamo un attimo dal fuoco e frulliamo la salsa fino a renderla finissima. Rimettiamo il tegame sulla fiamma e non appena riprende il bollore saliamo, ci incorporiamo lo zucchero, la maizena diluita nell'aceto, 2-3 chiodi di garofano, una spolveratina di cannella e lasciamo insaporire per alcuni minuti. Senza spegnere il fuoco, però abbassando ancora di più la fiamma, la nostra salsa è pronta per essere imbottigliata....



Con l'aiuto di un mestolino riempiamo le bottigliette, oppure potete utilizzare dei barattoli anche più piccoli, chiudiamo ermeticamente e le sistemiamo inclinate nella "culla" ben avvolte con degli stracci ed una coperta, lasciandole avvolte fino a quando si raffredderanno completamente (anche fino al giorno dopo).
La salsa così preparata si conserverà per un anno.



Come al solito io evito il passaggio della cottura a bagnomaria, a voi la scelta se far bollire le bottigliette per 30 minuti ricoperti d'acqua fredda. Ricordate che andranno tolte "solo" una volta che l'acqua è veramente fredda.
Per assaporare a pieno consumate la salsa dopo due settimane dalla sua preparazione ed una volta aperta conservatela in frigo per non più di 20 giorni e.......
BUONA SALSA A TUTTI!!!

6 agosto 2016

conserva di pomodori fatta in casa, come fare

si quieres leerlo en Argentina icon







Il mio rapporto con le conserve di pomodori avvenne già da molto piccola: ricordo molto bene mia nonna che le faceva insieme a mamma; il mio compito era quello di girare la manovella della macchinetta per passare i pomodori (allora non essistevano ancora quelle elettriche)........tutto intorno profumava d'Italia e di abitudini così lontane che mi affascinavano e mi incantavano, tanto da essere diventate mie.
 E oggi, dopo tantissimi anni, ogni volta che aggiungo il basilico nelle bottiglie vedo mia nonna riflessa in me stessa.....

Dire pomodoro è dire un oceano infinito di varietà e di alternative da realizzare; possiamo prepararli in tanti modi: passati, a pezzetti, interi, sughi già pronti, secchi, salsa ketchup.... possiamo sbizzarrirci pensando all'utilizzo che li daremmo successivamente per realizzare i nostri piatti.
Vediamo insieme come fare per conservarli nei migliori dei modi:

PASSATA: come ben si può capire dal su nome, dopo aver tagliato a pezzi i pomodori, vengono passati nella macchina che li riduce in salsa, scartando da sola i semi e le bucce. Va aggiunto del sale fino, si gira bene ed è pronta per essere imbottigliata..... senza scordarsi di aggiungere qualche foglia di basilico dentro le bottiglie. Non bisogna riempire le bottiglie fino all'orlo, bensì bisogna lasciate uno spazio vuoto, altrimenti si rischia che esplodano.
Sono perfetti tutti i tipi di pomodoro: tondo liscio, tondo ovale, cuore di bue, san marzano, anzi più varietà utilizzerete più saporita sarà la salsa.
Vi sono due varianti per la sua preparazione: utilizzare i pomodori a crudo oppure tuffarli per pochi minuti in acqua bollente ed una volta raffreddati tagliarli a pezzi.
Veramente ve ne sarebbe una terza, però che ormai viene eseguita da pochissime nonne: far cuocere previamente i pomodori nel forno a legna ed una volta raffreddati passarli. In questo modo la salsa, oltre che ad avere un sapore completamente diverso, è molto più densa.




A PEZZETTI: Questa preparazione è quella più lavorata, ma state più che certi che vi ripagherà del lavoro fatto.... quando in pieno inverno li adagerete sopra una fetta di pane abbrustolito e gusterete il sapore del pomodoro fresco ....!!
Va tolta la pelle ai pomodori crudi facendosi aiutare dal dorso di un coltello che va passato tutto intorno al pomodoro facendo una leggera pressione. Vanno tagliati a metà, tolti i semi, la parte centrale ed infine vanno tagliati a pezzetti. Si salano, si rigirano delicatamente e vanno messi dentro ai barattoli, premendoli, con un poco dell'acqua che hanno rilasciato e aggiungendo qualche foglia di basilico.
I barattoli vanno riempiti fino all'orlo, dato che durante la bollitura i pomodori tenderanno a perdere un poco del loro volume.
I pomodori indicati per questa preparazione sono i tondo liscio ed i cuore di bue, sono quelli più polposi!
 


SAN MARZANO: Conservare questi pomodori è molto più semplice e veloce. Sarà sufficiente inserirli interi dentro dei barattoli abbastanza capienti per poi aggiungere della passata fino a che il barattolo sia riempito completamente.... durante la bollitura i pomodori tenderanno a perdere tanto del loro volume. Volendo si può riempire i barattoli con un poco di passata diluendola con dell'acqua oppure in alternativa solo l'acqua. A questo punto si devono solo chiudere ermeticamente i barattoli.
In alternativa, invece che lasciarli interi, si possono tagliare in quattro parti nel senso della loro lunghezza, in questo modo occuperanno meno spazio.
Personalmente ai pomodori mi piace toglierli la pelle, hanno una consistenza e sapore diversi, di conseguenza faccio fare ai san marzano il solito tuffo nell'acqua bollente per pochi minuti, li scolo bene, li lascio raffreddare e ..... poi sarà facilissimo eseguire questa operazione.




POMODORO CILIEGINO: Con questi pomodorini ci si può comportare nello stesso modo che con i san marzano.... a voi sempre la scelta se lasciarci la pelle o meno.



Qualsiasi sia il procedimento eseguito adesso si è giunti al momento della sterilizzazione.
Capisco molto bene che è facile dire: "facciamo le conserve, accendiamo un bel fuoco e facciamo bollire le bottiglie ed i barattoli per una buona mezz'ora dall'ebollizione"..... Ma per chi vive in un appartamento, la cosa si complica un poco, però non è impossibile:
vanno sistemati inclinati in una grande pentola, tra i barattoli e le bottiglie andranno collocati degli stracci riempiendo anche i vuoti in modo tale che non si urtino e non si muovano, si ricoprono completamente d'acqua, superandoli almeno di una 10 di cm, sistemata la pentola sul fornello verrà lasciata sul fuoco per 40 minuti dal momento in cui inizia a bollire fortemente. Una volta spento il fuoco verrà lasciata lì fino a quando l'acqua non sarà completamente fredda. Si toglieranno delicatamente le bottiglie ed i barattoli, si asciugheranno e verranno riposti in un luogo fresco e dove non ricevano troppa luce, si manterrano intatti anche per due anni.

SUGHI PRONTI:  Da diversi anni invece, quando devo fare pochi pomodori, uso un'altra tecnica, preparo direttamente il sugo, tante volte vi aggiungo anche delle verdure (pomodori con melanzane, zucchine e peperoni, salsa con peperonipomodori e zucchine), ed una volta cotto lo verso, con l'aiuto di un mestolo, nei barattoli senza riempirli completamente fino a sopra e li chiudo ermeticamente.
Questa è una operazione che necessita di una certa attenzione dato che il sugo è bollente e senza volerlo può succedere che scoli sulla mano ......mi è successo!!
Consiglio: utilizzate uno strofinaccio o ancora meglio un guanto.
Mentre la conserva cuoce preparerò la "culla" dove sistemerò i barattoli:
Fodero la parte interna di una cassetta di plastica o di legno con una coperta e delle tovaglie lasciando fuoriuscire le parti laterali; lì dentro sistemerò e coprirò, di volta in volta, i barattoli appena chiusi e ancora caldi. I barattoli vanno messi inclinati, di questo modo si creerà il sottovuoto. Una volta finito, richiudo definitivamente il tutto con le tovaglie e la coperta di modo tale che il calore rimanga nel suo interno e lascio dormire fino al giorno dopo.





Questo sugo possiamo conservarlo per 6-7 mesi; mi è capitato di aprire un barattolo dopo 15 mesi ed era ancora buono!! La cosa importante sempre è conservare le conserve in un posto fresco, secco e dove non vi sia troppa luce.

I vantaggi di preparare la conserva di pomodoro in questo modo sono tre: la prima è che si evita di dover far bollire i barattoli a bagnomaria; la seconda, se non si hanno grandi spazi, è che si può preparare in piccole quantità e per ultimo è che si otterrà un sugo già pronto per condire direttamente la pasta, sarà solo sufficiente riscaldarla.

CONSIGLIO: quando si fanno le conserve, di qualsiasi genere esse siano, non utilizzate mai utensili d'alluminio, questi possono provocare delle negative reazioni chimiche.

Concludo dicendo che per me la conserva originale, rimane e rimarrà sempre la migliore:  impagabile l'aroma del pomodoro fresco che si sprigiona tutto intorno aprendo ogni bottiglia!!

 BUENA CONSERVA A TUTTI!!!!

3 agosto 2016

involtini di melanzane al forno

la idéntica receta en Argentina icon
Credo che siete d'accordo con me quando dico che il miglior sodalizio per le melanzane sono i pomodori ed il basilico..... ed a seguire la mozzarella!!!.
Con questi ingredienti si possono preparare tante varianti, oltre alla squisita parmigiana . Questi involtini ne sono un esempio molto semplice.


Gli ingredienti che ci servono sono:

melanzane 2; mozzarella 300 gr; pomodoro 2; pangrattato 30 gr circa; basilico; prezzemolo;  olio d'oliva; sale.

Con l'aiuto della mandolina tagliamo, nel senso della loro lunghezza, le melanzane in fette sottoili, che faremo grigliare da ambedue i lati.
In tanto tagliamo a dadini piccoli sia la mozzarella che i pomodori e li condiamo con dell'olio d'oliva e del basilico spezzettato.
Distribuiamo il composto sulla metà di ogni fetta di melanzana grigliata e arrotoliamo per formare gli involtini.


Se vi piace, potete aggiungere anche uno spicchio d'aglio tritato piccolissimo al composto.
Tritiamo il prezzemolo, lo uniamo al pangrattato ed inumidiamo con d'olio.
Passiamo gli involtini nel pangrattato e li disponiamo in una pirofila unta con l'olio e li lasciamo cuocere in forno a 200° per 10 minuti Una volta cotti li sistemiamo nel piatto di portata irrorandoli con dell'olio extravergine d'oliva e....
BUEN PROVECHO!!!

2 agosto 2016

involtini di zucchine estivi

la idéntica receta en Argentina icon
Amo le zucchine in ogni sua variante e preparazione, l'unico handicap è che per lo più, i piatti più buoni, vanno cotti in forno: le zucchine ripiene, i fiori di zucchine ripieni, i tortini, le pizze rustiche.... oggi, invece, ho voglia di qualcosa di più fresco e leggero.
In più questi involtini sono anche molto veloci da preparare..... che chiedere di più?!


Gli ingredienti che ci servono sono:

zucchine 3; gamberi 200 gr; formaggio spalmabile 120 gr; erba cipollina; pomodori ed insalata per decorare; olio extravergine d'oliva; sale.
Potete benissimo sostituire il formaggio spalmabile con della maionese ed i gamberi con del tonno.

Dopo averle lavate e spuntate tagliamo le zucchine a fettine nel senso della loro lunghezza e le arrostiamo.
Nel frattempo faremo fare un bollore di pochi minuti ai gamberetti in acqua bollente ed una volta che si sono raffreddati li sgusceremo.
Volendo potete utilizzare i gamberetti già pronti sia essi congelati che in salamoia.

In una ciotolina amalgamiamo il formaggio spalmabile con i gamberetti tritati piccoli e l'erba cipollina tagliuzzata. Lavoriamo fino ad ottenere un composto omogeneo che andremmo a distribuire su ogni fetta di zucchina grigliata, per poi arrotolarla e formare l'involtino. Li disponiamo, ad uno ad uno, in un piatto da portata foderato con dell'insalatina e dei cubetti di pomodoro. Irroriamo il tutto con dell'olio extravergine d'oliva e.......
BUEN PROVECHO!!!!