9 maggio 2015

liquore alla sambuca

la idéntica receta en Argentina icon 


Guardandomi intorno non so cosa fare e preparare prima, questo è un momento magico, quanti frutti ci dona la terra e non si può rimanere indifferenti o dirigere lo sguardo altrove.
Tra erbe spontanee e piante abbiamo una risorsa infinita e tantissime possibilità di utilizzarli.
Mi direte che per me è facile avendo la fortuna di avere tutto fuori la porta di casa....ma non è così, per chi abita in città può diventare una bella scusa per fare una gita in piena campagna trascorrendo una giornata diversa!!!! 


Se avete voglia di farlo, e lungo il cammino trovate dei fiori di sambuco mi raccomando raccoglieteli (stando attenti a non rovinare la pianta!!!) è in quantità abbondante, sono molto leggeri, per preparare la "sambuca". Affrettatevi che ormai sono tutti già in fiore.

fiori di sambuco 300 gr,; 750 ml. di alcool puro; 300 ml. di acqua; 300 gr. di zucchero.

Dopo aver tolto le foglie e la maggior parte dei gambi ai fiori di sambuco li andremmo a mettere in un recipiente con una buona chiusura ermetica e capiente e vi verseremo sopra l'alcool.
Chiudiamo il barattolo,  agitiamo bene e lasciamo macerare per 20 giorni in un luogo in penombra ed asciutto. In questo periodo ricordiamoci di agitare ogni giorno.

Trascorsi questi giorni, andremmo a preparare lo sciroppo versando l'acqua in una ciottolina, che porremmo sul fuoco, aggiungeremo lo zucchero e gireremo fino a farlo sciogliere.
Mentre lo sciroppo si raffredda completamente, andremmo a filtrare l'alcool  con un colino a maglie fitte, in mancanza si può ricoprire il colino con della garza oppure con telo di lino.
Uniamo all'alcool allo sciroppo e lo versiamo in due bottiglie con chiusura ermetica e riponetele in un luogo buio e fresco.
Adesso però dovrete aspettare un mese prima di degustarlo. Accompagnatelo con il caffè e.......
CIN CIN!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento