8 maggio 2015

carciofini sott'olio

la idéntica receta en Argentina icon
Carciofi, carciofi. li amo in ogni sua variante: crudi, sott'olio o cucinati in ogni modo....!!!
Oltre alla bontà del fiore che questa pianta ci dà non scordiamoci assolutamente delle fibre, dei minerali, tra cui il ferro, e delle vitamine che ci fornisce e soprattutto dei flavonoidi e della "cinarina", antiossidante ed epatoprettettivo.
Quindi mangiamoli, mangiamoli....!!!!

Adesso prepariamoli sott'olio, per avere una scorta quest'inverno.
Vediamo cosa ci serve e come fare a prepararli:

carciofini; limoni; aceto di vino bianco; acqua; sale grosso; olio d'oliva extravergine.
Se dovete comprarli, quello che vi consiglio è di scegliere i carciofi che si trovano proprio in questo periodo che sono piccoli e la qualità che non ha peluria interna; io uso i carciofi violetto di Sant'Erasmo e anche quelli bianchi di Pertosa. Per i quantitativi dipende tutto dalla quantità che volete preparare, orientativamente vi dico che per fare questi due barattolini ho usato circa 30 carciofi, 300 ml di aceto e 300 ml di acqua e 2 limoni.

 

La prima operazione è quella di lavare e pulire i carciofini togliendo le foglie esterne più dure, il gambo ed infine tagliando la punta di netto.
Man mano che li andremo pulendo li tufferemo in una ciottola con dell'acqua fredda e del limone spremuto.
Mio padre, che nel preparare i carciofini sott'olio era diventato un maestro, prima di metterli nell'acqua acidula, ad uno ad uno li strofinava nel limone tagliato a metà per farli rimanere belli bianchi.
Una volta finito di pulirli tutti, mettete in un tegame la stessa dose d'aceto e d'acqua, portate ad ebollizione, aggiungete un pugno di sale grosso, tuffate i carciofini e lasciateli cuocere per 4-5 minuti; se ne sono tanti cucinateli a più riprese. Un consiglio, prima di farli bollire nell'aceto, non risciacquate i carciofi, scolateli solo un po'.



Scolateli e metteteli ad asciugare su un canovaccio a testa in giù. Dopo 2-3 ore, una volta asciutti, li sistemerete dentro i barattoli, coprendoli con l'olio d'oliva. Controllate che non vi rimangano bollicine d'aria, se occorre aggiungete dell'altro olio, chiudete ermeticamente e......
BUENA CONSERVA!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento