31 maggio 2015

acqua di rose fatta in casa

si quieres leerlo en Argentina icon

Chi è che da piccola non ha visto la bottiglia di acqua di rose che usava la nonna e che a noi era vietata toccare??
Ho sempre pensato che avesse dei poteri magici....e non è poi che mi sbagliavo di tanto....
Perché oltre ad essere utilizzato sul viso come tonico per rinfrescare la pelle è indicato per pelli delicate ed impure; contro le rughe e la couperose e, grazie alle sue proprietà astringenti, applicato localmente da buoni risultati nella cura dell'acne.
Se poi applichiamo sulle occhiaie due dischetti di cotone imbevuti con l'acqua di rose ne trarremmo grande beneficio.
Ho letto poi che si può ottenere un ottimo composto per realizzare il peeling del viso mescolando, in parti uguali, l'acqua di rose con lo zucchero ed il miele, applicandolo con dei massaggi circolari su tutta la parte ed infine sciacquando con acqua tiepida.
Senza scordare assolutamente che questa stessa preparazione oltre che per la cura del nostro corpo è la stessa che viene utilizzata per preparare i dolci; e chissà quante altre proprietà da scoprire ancora....


Ci servono semplicemente:
petali di rosa 1 tazza; acqua distillata 2 tazze. 
Facoltativo: alcool 1 cucchiaio.

Quello che dobbiamo tener presente e da non scordare mai è che dobbiamo utilizzare, per qualsiasi preparazione, delle rose coltivate senza l'utilizzo di prodotti chimici e mai usare quelle comprate dal fioraio.


Dopo aver tolto i petali rovinati, eventuali ospiti non desiderati e lavati i petali di rose, li andremmo a collocare dentro un recipiente di vetro, resistente al calore.
Intanto mettiamo a bollire l'acqua distillata che verseremo sui petali, chiudendo immediatamente il contenitore onde evitare che evapori l'essenza.
Lasciamo agire per circa 1 ora, il tempo che i petali avranno perso il colore e che l'acqua si raffreddi, e filtriamo con un colino a maglie fitte. Qui apro una parentesi, dato che l'acqua di rosa così preparata non ha nessun tipo di conservante ed è molto naturale, ha una durata molto corta: circa 30 giorni, se volete invece che duri di più dovrete aggiungere, una volta filtrata, 1 cucchiaio di alcool, girando poi molto bene.
Adesso siamo pronti per imbottigliarla, il mio consiglio è di scegliere delle bottigliette piccole di modo tale che la fragranza e l'essenza rimangano fino all'ultima goccia; la cosa importante comunque è che abbiano una buona chiusura e.......
BUONA CURA DI VOI STESSE!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento