9 febbraio 2015

zucca lessa o arrosto sott'olio

la idéntica receta en Argentina icon
Come definire questa ricetta? Una conserva? Un contorno? Un antipasto? Come la si voglia definire è da preparare, da assaggiare e da mangiare e poi scegliete come definirla. Perché secondo me non cambia molto tra contorno o antipasto, la differenzia sostanziale sta nel chiamarla conserva......perché una volta assaggiata non so quanto riuscirete a conservare!!!
Per prepararla ci servono:
zucca; vino bianco; aceto; olio d'oliva; prezzemolo; aglio e sale.

Una volta che alla zucca avremmo tolto i semi, i filamenti, che l'avremmo tagliata a pezzi grandi e sbucciata andrà tagliata a fettine molto sottili, alte all'incirca 2 mm.; volendo fare grandi quantità potete usare anche l'affettatrice.
Metteremmo a bollire in un tegame l'aceto ed il vino bianco in dosi uguali con un pugno di sale grosso e faremo lessare le fettine di zucca per un minuto dal momento che riprende il bollore.
Andranno scolate molto delicatamente per evitare che si rompano e posate su di un canovaccio, lasciandole asciugare per 1-2 ore circa.
A quel punto le disporremmo a strati in una pirofila condendole con l'olio d'oliva, l'aglio ed il prezzemolo tritati e a chi piace del peperoncino. Preparati in questo modo si mantengono in frigo per una settimana abbondante.
 
Se vorremmo conservare per tempi più lunghi, dovremmo metterle in contenitori con chiusura ermetica e coprirle con abbondante olio.
Per chi invece non gradisce l'aceto sarà sufficiente arrostire le fette di zucca che una volta raffreddate andranno condite con l'olio d'oliva, il prezzemolo e l'aglio tritati e.......
fattemi sapere se siete riuscite a conservarle???

Nessun commento:

Posta un commento