27 febbraio 2015

casarecce con crema di broccoli e cozze


la idéntica receta en Argentina icon
Non so se è perché a casa mia si mangiava "sempre" la pasta con il pomodoro e raramente si preparava senza ( come credo in tutte le case!) o forse solo perché le mode cambiano, fatto sta che mi piace preparare dei primi per lo più in bianco, con le verdure, con il pesce o come in questo caso con entrambi. E oggi, come lasciare da parte i miei broccoli che insieme alle cozze sono un ottimo binomio??
Allora andiamo a preparare questo primo e gli ingredienti che ci servono sono:
pasta formato casareccia 320 gr.; broccoli 500 gr.; cozze 1 Kg.; panna da cucina 100 gr.; olio di oliva e sale.
Possiamo sostituire la panna con un cucchiaio di ricotta schiacciata bene con l'aggiunta di un goccino di latte.

Come prima cosa andremmo a pulire le cozze, dopodiché le metteremo dentro una pentola capiente sul fuoco, copriamo, le facciamo aprire ed una volta raffreddate togliamo i molluschi lasciando solo qualche cozza con il solo guscio dove è attaccata da usare per decorare.
Passiamo a pulire i broccoli: una volta suddivisi in cimette non troppo piccole le facciamo lessare per 6-7 minuti non di più; le scoliamo lasciando da parte l'acqua di cottura che useremo, nella misura che ci occorra, mentre li frulliamo riducendoli a crema. A questo punto mettiamo sul fuoco, per 5 minuti circa, la crema di broccoli a cui avremmo aggiunto l'olio d'oliva, la panna ed un pizzico di sale.



Prima di spegnere il fuoco ci aggiungiamo le cozze con un po' della loro acqua, che avremmo filtrato onde eliminare ogni residuo di sabbia.
Lessiamo la pasta in abbondante acqua salata ed una volta scolata la condiamo con questa delicata salsa...per gli appassionati aggiungete del peperoncino e.........
BUEN PROVECHO!!!!!

25 febbraio 2015

broccoli e cavolfiori gratinati al forno

la idéntica receta en Argentina icon
Febbraio il mese dei broccoli, dei cavolfiori, dei cavoli cappucci, dei.....l'orto è pieno di verdure che mi chiamano e ho solo l'imbarazzo di quale e di come cucinarli.....anzi, a volte non vorrei più cucinarli!!!! ma so benissimo che tra qualche mese ne sentirò la mancanza; allora ne approfitto per fare una buona scorta di vitamina C che in questo momento tanto serve.
Oggi li ho voluto fare gratinati ma un poco più light del normale, ecco gli ingredienti che ho usato:

broccoli  500 gr.; cavolfiore 500 gr.; formaggio grattugiato 3-4 cucchiai belli colmi; sottilette 4; olio d'oliva; sale.
Nella foto potete vedere anche un pezzetto di burro, che personalmente non ho usato...... a voi la scelta!


Ho lavato i broccoli ed i cavolfiori per poi dividerli in cimette più piccole.
 

Li ho cotti a vapore separatamente, visto che i broccoli richiedono 6-7 minuti di cottura, mentre per i cavolfiori serviranno almeno 10-12 di minuti. Ho riempito la pentola con 2 ½ litri di acqua fredda, ho fatto bollire e dopo ho sistemato il cestello con le verdure, ho messo il coperchio ed ho lasciato cuocere per i tempi indicati. Se avete due cestelli potete sovrapporre uno sull'altro (cosa che io, nella fretta, ho dimenticato di fare!!) mettendo nella parte inferiore i cavolfiori, che hanno bisogno di più tempo, e sopra i broccoli, così risparmierete tempo e gas.

 
Una volta cotti, ancora belli caldi, li ho sistemati in una pirofila da forno condendoli con l'olio, il formaggio grattugiato e per ultimo ho tagliuzzato le sottilette distribuendole qua e la.
Ho fatto cuocere in forno a 180° per alcuni minuti sotto il grill, fino a quando i formaggi si sono fusi e si sono gratinati e........e volendo farlo ancora più sostanzioso oltre al burro potete anche aggiungere della besciamella e......e se non abbiamo la vaporiera nessun problema: con una pentola, uno scolapasta di acciaio che entri dentro la pentola ed un coperchio abbiamo risolto, l'unica cosa importante è che l'acqua non deve toccare le verdure e........
il CAPOLAVORO è FATTO!!!!!

besciamella, senza burro, all'olio d'oliva

la idéntica receta en Argentina icon


Non so perché, ma da ragazza mi è sempre sembrato difficile l'idea di preparare la salsa besciamella. Forse mi influenzavano tutti quei moniti sullo stare attenta "a non formare dei grumi" setacciando la farina, controllando la temperatura del latte, da unire prima o dopo.... era un'impresa così ardua!!!.
Eppure è una delle cose più semplici in assoluto.
Da un po' di anni la preparo senza più usare il burro... al suo posto adopero l'insostituibile olio d'oliva..... Provare per credere:

Gli ingredienti che ci servono sono:

latte 500 ml.; farina 3 cucchiai; olio d'oliva 50 ml; noce moscata; sale.

Mettiamo il latte in un pentolino a riscaldare, non deve bollire!.
Intanto in un'altro pentolino mettiamo l'olio a riscaldare a fuoco medio-basso e ci uniamo la farina mescolando con una frusta, lasciando ancora sul fuoco per pochi minuti.


 Versiamo il latte caldo a filo mescolando bene onde evitare che "si formino grumi". Lasciamo che si addensi a fuoco medio-basso per circa 6-7 minuti, girando spesso.
 


Spegniamo il fuoco, aggiungiamo un pizzico di sale ed una grattugiatina di noce moscata e.......

adesso è sufficiente tanta fantasia per preparare ottimi piatti!!!!!

20 febbraio 2015

Polipi in umido con pomodoro e olive

la idéntica receta en Argentina icon
Oggi è venerdì...e questa sera si mangia il pesce!!!
Questa mattina ho trovato dei bei polipi, veramente freschi e dopo averli
puliti, togliendoli le interiora e la pelle, molto velocemente ho preparato gli altri ingredienti che mi servivano per preparare 1 Kg. di polipo e che sono:


pomodori pelati 400 gr.; olive nere 150 gr.; limone 1; vino bianco ½ bicchiere; aglio 1 dente; prezzemolo 2 ciuffetti; capperi 1 cucchiaio; olio d'oliva e sale.
Io ho utilizzato le mie olive cotte al forno (come potete vedere della foto) però potete utilizzare le classiche olive in salamoia.



Mettiamo in un tegame l'olio, l'aglio ( che toglieremo prima di servire), i capperi tagliuzzati, il prezzemolo tritato ed i polipi tagliati a pezzetti. Lasciamo rosolare per qualche minuto, dopodichè bagniamo con il vino bianco, lasciamo evaporare ed aggiungiamo i pelati tagliati anch'essi a pezzetti. Facciamo cuocere per circa mezz'ora e se fosse necessario aggiungiamo dei cucchiai d'acqua per non farlo asciugare troppo.
Per il tempo vi dico di assaggiare sempre, perché come in questo caso, tutto dipende dal prodotto...ci sono dei polipi un po' più duri del normale.

Verso fine cottura aggiungete le olive e la buccia del limone grattugiata e........


BUONA CENA!!!!!

17 febbraio 2015

carnevale a francavilla al mare

si quieres leerlo en Argentina icon
Martedì grasso......e qui finisce il Carnevale!! 
Finisce il suo spirito, la sua allegria. i suoi colori, i suoi scherzi, le burla e le sue maschere.
Ogni città si è colorata in questi giorni con musica, balli, sfilate di persone e di carri, chi per periodi più lunghi, chi per solo un giorno, ed in molti hanno contribuiti a creare questa festa "festosa",...... molti altri hanno cercato di divertirsi integrandosi per le vie cittadine, mentre tanti altri sono rimasti dei semplici spettatori.......
(qui non parlerò di quelli che rimangono indifferenti e lontani da questa bolgia, questo è un capitolo a sé!!!).


Carnevale: la voglia di spensieratezza, di evasione e di quella libertà che ci permette di fare degli sberleffi o delle burla sapendo che é carnevale ed ogni scherzo vale!!!. Bisogno di giocare come eterni bambini nascondendoci dietro una maschera sperando di non essere visti e riconosciuti.....  



trasformandoci in ciò che non siamo o in ciò che vorremmo essere.

Carnevale .... una bellissima distrazione da quelli che sono i problemi veri......perché purtroppo all' indomani arriva sempre il mercoledì delle ceneri..... 


 

VIDEO: Domenica di Carnevale a Francavilla al Mare in provincia di Chieti

16 febbraio 2015

chiacchiere al forno senza burro

la idéntica receta en Argentina icon
Questo dolce tipico di carnevale presenta delle piccole varianti a seconda delle diverse regioni dove viene preparato e cambia anche il nome: chiacchiere, donzelle, frappe, intrigoni, galani......Io ho fatto una mescolanza di un po' di tutto, prendendo da questa ricetta le quantità minime di zucchero, da quell'altra la mancanza di burro sostituito dall'olio, da un'altra ancora, e qui nulla centrano le regioni, la grandissima variante di farle al forno invece che friggerle......In special modo, per  questo ultimo motivo, se mi permettete questa ricetta voglio dedicarla completamente alla mia carissima amica Mary, che ogni volta che pubblico una ricetta dove si frigge mi chiede sempre: "posso cuocerlo al forno????"

Gli ingredienti per preparare all'incirca una ventina di chicchiere (tutto dipende dalle misure in cui le tagliate) sono:

farina 250 gr.; zucchero 20 gr.; olio d'oliva 20 gr.; uova 2; Marsala 2 cucchiai; lievito in polvere per torte ½ bustina ( 80 gr.); limone ½; sale un pizzico; zucchero a velo.

Versiamo la farina sulla spianatoia formando una fontana al cui centro andremmo a mettere le uova, un pizzico di sale, il limone grattugiato, il lievito, l'olio  ed infine il Marsala mescolando bene il tutto con una forchetta; quando l'impasto è meno fluido cominciamo ad impastare con le mani fino ad ottenere una palla liscia ed omogenea. Lasciamo riposare coperta da uno strofinaccio per una mezz'ora.
Dividiamo l'impasto in 2 - 3 parti e la stendiamo con il mattarello oppure con la macchinetta fino ad ottenere una sfoglia alta 3-4 mm. Personalmente ho utilizzato la macchinetta perché l'impasto tendeva ad attaccarsi di meno, di conseguenza richiedeva pochissima farina in più per stenderla.


Dividiamo la sfoglia in rettangoli di 7-8 cm. di lunghezza e 5 cm. di larghezza usando la rotella taglia pasta e nella parte interna facciamo due incisioni per la lunghezza.
Man mano andiamo sistemando le chiacchiere su una placca, ricoperta con della carta da forno, ed una volta finito le inforniamo a 180° per 10 minuti.  Lasciamo intiepidire e spolveriamo con lo zucchero a velo.


(Come potete vedere dalla foto io le ho tagliate un po' più irregolarmente...è più forte di me.... ho voluto provare tutte le varianti della mia nuova taglia pasta......!!!Voi non dovete seguire il mio esempio.)

Se poi volete farle alla maniera tradizionale nulla vieta di friggerle e volendo potete darle un tocco in più trasformandole in "intrigoni" ( che null'altro sono che le stesse chiacchiere fatte nella zona di Reggio Emilia):
Tagliate la sfoglia in rombi, incidete come prima all'interno ( ho scoperto dopo che il taglio in questo caso va fatto anch'esso per obliquo..), ed infilate gli angoli laterali nei tagli e..........

FORZA, a MASCHERARSI!!!!!

castagnole, senza burro

la idéntica receta en Argentina icon
Carnevale, ogni scherzo vale!! 
A me lo hanno fatto queste ottime castagnole, che ho preparato così per curiosità, visto che non le avevo mai assaggiate e sono state una bellissima scoperta......tanto che mentre le friggevo ho voluto provare una, giusto per vedere di che sapevano, non l'avessi mai fatto......friggevo e mangiavo, mangiavo e friggevo!!!! 
Vi dico subito gli ingredienti così le potete preparare anche voi, dovrebbero uscirne all'incirca 33-34 per un peso di 10 gr. circa l'una crude:

farina 200 gr.; zucchero 50 gr.; uova 2 piccole; olio d'oliva 2 cucchiai; limone ½; lievito in polvere per torte ½ bustina ( 8 gr.); liquore all'anice 1 cucchiaio; vaniglia 1 cucchiaino oppure i semi di una stecca; sale 1 pizzico; zucchero a velo; olio per friggere.

Su una spianatoia, con la farina, formiamo una fontana dove ci metteremo le uova, cominciando a sbattere con una forchetta, la buccia di limone grattugiata ed il pizzico di sale, poi continuando a mescolare aggiungiamo lo zucchero, poi l'olio, poi il liquore, la vaniglia (o i semi)  ed infine il lievito. Con l'aiuto della forchetta andiamo incorporando la farina dai lati fino a che cominceremo a lavorare il composto con le mani, amalgamando fino a renderlo morbido e compatto. Lasciamo riposare per qualche minuto l'impasto coperto con uno strofinaccio; il tempo di preparare una padella dove andremmo a mettere abbondante olio per friggere....aspettate però ad accendere il fuoco!



Torniamo al nostro impasto, lo tagliamo in 4 parti e, con ogni panetto, formiamo un cordoncino, lo tagliamo a pezzetti  con le mani formiamo delle palline (come metro di paragone per la misura consideriamo una nocciolina un po' grossa!).
Sistemiamo ogni pallina su un vassoio ed una volta finite le friggiamo un po' alla volta rigirando la padella con dei movimenti lenti in modo tale che le castagnole girino dentro l'olio facendo sì che si gonfino e si colorino da ogni parte...... Le scoliamo bene, le adagiamo sulla carta assorbente, le sistemiamo sul vassoio e 



le spolveriamo con dello zucchero a velo e......
BUON CARNEVALE A TUTTI!!!!!