21 giugno 2014

Don Jacinto - gelatina di ciliegie e panna

la idéntica receta en Argentina icon
Visto il nostro buon risultato con la gelatina fatta in casa, possiamo cominciare a lanciarci in opere più grandi anche se sempre semplici.

Queste è un dolce della mia lontana infanzia, che mia mamma preparava in certe giornate di festa; il perché del nome non lo so, e sinceramente, negli anni non lo ho mai trovato come ricetta...è un segreto che è rimasto con lei.

Però mi fa piacere condividere con tutti voi questo dessert delicato e fresco al tempo stesso, che fa dimenticare di essere gelatina.


Gli ingredienti che ci servono sono:

Per preparare la gelatina: succo de ciliegie 400 ml.; acqua 250 ml.; zucchero 100 gr.; colla di pesce 20 gr.
panna da montare 150 ml.; pesche sciroppate per decorare.

 Tagliamo a metà le ciliegie, togliamo i noccioli (non li buttate, fatteli asciugare al sole, metteteli da parte che poi vi racconterò che fare con loro) e le centrifughiamo fino ad ottenere 400 ml di succo e con esso prepariamo la gelatina base; con l'unica differenza che questa volta ci metteremo meno acqua visto che una volta che comincerà a raffreddarsi e a prendere una leggera consistenza di solidificazione ci incorporeremo la panna montata.









Mischiamo delicatamente fino a che si incorporino bene e lo lasciamo ancora dentro il contenitore, rigiriamo ogni tanto e solo quando vedremo che non si separano più, fra loro due, potremmo versarlo in uno stamPo con il buco.
Portiamo in frigo e lasciamo raffreddare molto bene, minimo per circa 6 ore, io vi consiglio di prepararlo la mattina se vorrete offrirlo dopo cena.
Lo sformiamo poco prima di portarlo a tavola e lo decoriamo con le pesche sciroppate o con altra frutta di vostro piacimento, e se non fosse sufficientemente calorico, potete accompagnarlo con della panna montata.
Vi do un consiglio per sformare la gelatina: immergete lo stampo per pochi secondi in acqua bella calda, date un colpetto laterale ed è pronto e............
BUEN PROVECHO!!!!!   

Nessun commento:

Posta un commento