18 marzo 2014

Zeppole al forno senza burro





la identica receta en Argentina icon

19 di Marzo, in Italia, come in Spagna, in Portogallo,  ad Honduras, si festeggia il  giorno del papa e come in tutti i festeggiamenti non poteva mancare la parte culinaria: in molte città italiane è tradizione preparare le "Zeppole", fatte con la pasta choux, fritte, ripiene con crema pasticcera e decorate con una amarena. Nella mia regione l'abitudine è che non manchino mai a tavola dopo il pranzo fatto in onore al padre.
Sono sincera, dato che il mio babbo non mangiava dolci, a casa mia non si sono mai comprate né fatte; pero quest'anno, visto i precedenti, mi sto spingendo sempre oltre nell'universo dei dolci, che come ho già detto non è  il mio forte. A tutto questo aggiungiamo che cerco di evitare di usare il burro e di friggere ......
Pero grazie alla mia amica Mary che mi ha dato questa ricetta, che unisce questi ultimi due requisiti, mi sono armata di coraggio ed ecco qui il risultato:


Per l'impasto: farina 150 gr.; uova 4; acqua 250 gr.; olio di oliva 100 gr.; buccia di un limone; sale un pizzico. 
Per la crema pasticcerarosso d'uovo 3; zucchero 125 gr.;  farina 50 gr.; latte ½ litro; buccia di  ½ limone; stecca di vaniglia 1. ;
Per decorare: amarene sciroppate e zucchero a velo

Mettere in un tegame l'acqua con l'olio ed il sale, e quando comincia a bollire aggiungere di un solo colpo la farina e mischiare energicamente con un cucchiaio di legno, non appena l' impasto comincia a prendere forma e si stacca dalle pareti, ritirare dal fuoco continuando a girare fino a che prende una forma compatta ed omogenea. Rimettere sul fuoco, aggiungere il limone grattugiato e, girando continuamente, lasciare ancora un minuto per far si che l'impasto si asciughi un poco .










A questo punto togliere dal fuoco la pentola e lasciar raffreddare circa 10 minuti. Aggiungere un uovo alla volta, mischiando fino a che questo sia ben incorporato e solo in quel momento aggiungere un'altro.
Ogni volta che mettiamo un uovo all'impasto questo si separa, sembrerebbe come se si fosse impazzito: tranquille, è normale, se si continua a girare l'impasto riprenderà la sua consistenza cremosa.




 Bene, l'impasto è pronto e adesso viene quello che per me è stata una "MISSIONE IMPOSSIBILE" usare la tasca da pasticcere:  bisogna fare delle spirali che adageremo in una teglia da forno dove precedentemente abbiamo messo della carta da forno......dovrebbero venire un po' più tonde.....ma per essere la prima volta che uso la tasca, credo che non sono uscite tanto male!!!

Adesso dritti al forno che deve aver raggiunto una temperatura di 220°, facciamo cuocere le zeppole per circa 10 minuti e poi abbassiamo la temperatura a 180° e lasciamo cuocere por altri 20-30 minuti.


Intanto che aspettiamo che si cucinino, prepariamo la crema pasticcera  vedi  in "come si fa".

Dopo aver sfornato le zeppole, e fatte raffreddare, le tagliamo a metà e, sempre usando la sac à poche, le riempiamo con la crema pasticcera, copriamo, facciamo un cerchietto di crema nel centro dove andremmo a mettere l'amarena, una bella spolverata di zucchero a velo e finalmente.....


TANTI AUGURI A TUTTI I PAPA!!!!

Nessun commento:

Posta un commento