8 marzo 2014

torta mimosa

la idéntica receta en Argentina icon


8 Marzo, giornata internazionale della donna.
La torta mimosa, qui in Italia, è diventata il dolce per eccellenza per festeggiare questo giorno: il suo colore, la sua decorazione esterna e soprattutto il suo nome  evocano la mimosa.
Nell'immediato dopoguerra, sono state tre donne dell'associazione  " UDI  - Unione Donne Italiane", che hanno scelto questo fiore da regalare a tutte le donne nelle prime manifestazioni che si cominciavano a tenere nelle piazze.
La mimosa fu scelta in Italia perché era uno dei primi fiori a sbocciare in questo mese e soprattutto perché era poco costosa..... simbolo di uguaglianza economica, di rivendicazioni e di conquiste politiche e sociali delle donne...
Da tanti anni le mimose non vengono più regalate in piazza, ma costano profumatamente. Tante cose sono cambiate in tutti questi anni e non sempre in meglio ..... oltre al prezzo!!!!

Tornando alla torta, cerchiamo gli ingredienti che ci servono per prepararla:

Un pan di Spagna di circa 26 cm. di diametro (comprato o fatto in casa)

1. Per la crema pasticcera:   rosso d'uovo 3; zucchero 125 gr.; farina 50 gr.; latte ½ litro; 
buccia di  ½ limone; stecca di vaniglia 

2. Per la crema chantilly: panna da montare 500 ml.; zucchero a velo 100 gr.

3. Per farcire: ananas sciroppato 1 barattolo da 580 gr. ; Liquore con sapore ad arancia 1 bicchierino.



Come primo passo andremmo a preparare la crema pasticcera, ognuno ha la sua ricetta personale, io la preparo così: in una pentola sbatto molto bene i rossi d'uovo con lo zucchero e dopo aggiungo la farina, sempre mescolando bene. Faccio leggermente bollire il latte con la stecca di vaniglia e la buccia di limone, tutte e due le toglierò una volta finita la preparazione. Incorporo lentamente il latte alla crema di uova e zucchero, girando continuamente per far si che non si formino grumi; una volta aggiunto tutto il latte, e solo in quel momento, metto la pentola su fuoco medio per pochi minuti, giusto il tempo di farli dare un bollore e che diventi spessa, girando sempre.
Intanto che la crema pasticcera si va raffreddando, prepariamo la crema chantilly: montiamo la panna ed appena comincia a prendere corpo ci incorporiamo lo zucchero a velo e continuiamo a girare ancora.

Pensate di aver finito?  NOOOO! Dobbiamo preparare la crema diplomatica, che si fa semplicemente mischiando metà crema pasticcera con la crema chantilly e, solo per questa ricetta, ci aggiungiamo l'ananas tagliato a pezzetti piccoli, che avremmo precedentemente scolato molto bene dal suo sciroppo e messo da parte.

Adesso è arrivato il momento di farcire il pan di spagna. Affinchè la spiegazione sia più chiara guardate le foto..... anche se sono uscite un po' mosse!!!!
Tagliamo la parte superiore della torta con un coltello dalla lama larga, lasciandola da parte e, con un coltello della lama più corta, tagliamo la parte interiore, lasciando circa 2-3 cm. dai bordi, "attenzione a non tagliare molto in profondità", lasciate sempre quei 3 cm. anche sotto, deve rimanere come un contenitore vuoto.
Come vedete dell'immagine, ci aiutiamo con le mani per togliere la parte spugnosa interna, che taglieremo in strisce e dopo a quadratini.


Mischiamo il liquore con lo sciroppo dell'ananas e con questo bagniamo bene la parte interiore della torta.


Riempiamo con la crema diplomatica e copriamo con il coperchio  che avremmo bagnato anch'esso con il liquore. Copriamo la torta con la crema pasticcera che ci è rimasta, aiutandoci con un coltello per spalmarla bene; per ultimo decoriamo con i quadretti della torta e spolveriamo con lo zucchero a velo.



Vi consiglio di preparare la torta il giorno prima, assorbe di più il liquore ed è più saporita, e.......

Auguri a todas las DONNE todos los días !!!!!!

1 commento:

  1. Auguri Adri anche a te!!!! Brava tutti i giorni!!! Mary

    RispondiElimina