27 febbraio 2014

Una primavera precoce

si quieres leerlo en Argentina icon
Proprio questa mattina ammiravo come gli alberi da frutta stavano già cominciando a fiorire; avvenimento un po' anticipato quest'anno a causa di un inverno che non si è fatto sentire e di una primavera che è arrivata prima del suo tempo. Come in tutte la parti del mondo, anche qui, soffriamo le conseguenze dell'aumento della temperatura terrestre.

In italia esiste una filastrocca che dice che "marzo è pazzerello"; ancora mancano due giorni affinchè inizi questo mese, però non sono molto convinta che i cambi che oggi abbiamo vissuto dipendano solo dalla sua pazzia!!!! 
Per essere a fine inverno è normale che il giorno inizi con un bellissimo sole che gioca a nascondino tra le nuvole; non è normale che molte piante stiano cominciando il loro periodo vegetativo e neanche è normale la temperatura elevato che stiamo vivendo.
Pero come definire che, in meno di mezz'ora, il cielo si sia scurito completamente e improvvisamente, in mezzo ad una fortissima   pioggia, cominciasse a grandinare......il rumore che mi circondava era così forte che all'inizio non avevo capito che cosa succedesse fuori di casa.....solo aprendo la porta ho visto il motivo: chicchi grossi come ceci. E così rapidamente com'è venuto , lasciando dietro di se tanti segni equivoci (sembrava che avesse nevicato!), ed il desiderio che non abbia causato grandi danni a qualsivoglia coltivazione.....mentre il sole nuovamente continuava a giocare dopo essersi messo una sciarpa di lana........

Faccio nuovamente la domanda, come definirlo: pazzie di marzo o conseguenze dovute ad uno squilibrio causato dall'essere umano? 

Nessun commento:

Posta un commento