16 novembre 2013

Cachi sott'olio



la idéntica receta en Argentina icon
Avendo due bellissime piante di cachi cerco sempre di trovare qualche ricetta per utilizzarli: mi piace tanto farci la marmellata, e mentre aspetto che si maturino ancora un pò, quest'anno ho provato a farli sott'olio. Sono riuscita ad avere due ricette, le ho provate tutte e due e devo dire, modestamente, che sono uscite buone. Condivido con voi tutte e due le versioni, io personalmente ho trovato più sbrigativa la seconda, e ringrazio di tutto cuore chi me l'ha data......
Ma  a voi vi dico: bisogna sempre provare, fra tutte e due, per credere!!!

 Qualsiasi delle due decidiate di fare gli ingredienti sono gli stessi:

Cachi un pò verdi; aceto bianco, vino bianco, sale; prezzemolo; aglio e olio. 
 Il segreto sta nel riuscire a raccogliere i cachi alla giusta maturazione, devono essere verdi, ma non acerbi.     Il periodo più adatto, nella zona del centro Italia, è a metà-fine ottobre, ma ancora adesso si riesce a trovare qualcuno che sta diventando leggermente giallo e se sono belli sodi vanno benissimo!

Prima versione trovata su tutti i blog di internet:

Dopo averli lavati togliete solo il picciolo e sistemateli in un grande recipiente che possa contenerli e copriteli con 1/2 dose di aceto bianco e 1/2 di vino bianco fino a coprirli bene. Adesso dovete lasciarli a riposare per 15 giorni in un posto freso e un pò buio.  
Trascorso questo tempo toglieteli dall'aceto ed affettateli molto sottili e metteteli ad asciugare su uno strofinaccio per 24 ore circa.
A questo punto sono pronti per essere invasati, aggiungete il prezzemolo e l'aglio tritati e copriteli con l'olio. Lasciate insaporire per un mese prima di assaggiarli..


Seconda versione:













Dopo aver lavato i cachi, togliete loro il picciolo, sbucciateli e tagliateli molto sottilmente. Io utilizzo, in tutte e due le versioni, la mandolina tagliaverdure per farli venire ben sottili e soprattutto tutti della stessa altezza, ma chi è più abile può benissimo usare il coltello. Una volta affettati andranno messi in uno scolapasta e ricoperti di sale grosso a sgocciolare per tutta la giornata, se ci mettete un bel peso sopra andrà ancora meglio! Prima di andare a dormire sistemate i cachi in un recipiente dove, sommersi da 700 ml di aceto bianco e 300 ml di vino bianco, rimarranno per tutta la notte e anche qualche oretta della mattina seguente.
Adesso dovete farli asciugare molto bene, anche fino al giorno dopo se necessario, dopodiché potete invasarli condendoli sempre con prezzemolo e aglio tritati.... a me piace aggiungere anche una spolverata di origano e qualche peperoncino di quelli piccolini. Questi potete assaggiarli già il giorno dopo, e 
quindi.......
BUEN PROVECHO!!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento