24 settembre 2013

Pomodori verdi fritti



la idéntica receta en Argentina icon 
Mi chiedo chi, vedendo il film "Pomodori verdi fritti", non ha riconosciuto che in fondo in fondo tutte noi portiamo dentro una ¡Towanda!, che cerca vendetta per ottenere giustizia (anche se sicuramente non andiamo in giro distruggendo la macchina di chi ci ha appena rubato il parcheggio!!!); o che energicamente ci aiuta a svegliarci da quel letargo dove siamo finite!!!.....  o chi semplicemente non ha avuto la curiosità di sapere che sapore avevano quei pomodori......
Mi ci sono voluti diversi anni prima di provare a farli...ero occupata a creare prima la mia "granja"...... e devo dire che mi è piaciuto quel sapore particolare: un insieme di dolce e acido; tra il croccante ed una morbidezza leggera.

Vi racconto cosa ho utilizzato e come ho fatto:
 Naturalmente l'ingrediente principale è il pomodoro verde; uova; farina di grano e farina di granturco in parti uguali; sale e olio per friggere.  


Come prima cosa tagliamo i pomodori a fette alte un centimetro all'incirca, le saliamo e le mettiamo su una griglia per circa mezz'ora affinchè eliminino tutto il liquido di vegetazione. Una volta che si sono scolati per bene le andremmo ad asciugare con della carta assorbente.
 Passiamo ogni fetta nell'uovo sbattuto, al quale abbiamo aggiunto un pizzico di sale, e poi nelle due farine che precedentemente abbiamo mischiato bene. Friggiamo, asciughiamo con la carta assorbente e....

Prima di concludere volevo fare quattro specifiche:
 la ricetta originale aggiunge all'uovo un cucchiaino di zucchero e
 utilizza il burro per friggere al posto dell'olio.
 c'è chi utilizza lo yogurt con un goccio di latte, al posto dell'uovo;
  e chi, i pomodori, una volta passati nella farina, li ripassa nuovamente nell'uovo e finisce passandoli poi nel pan grattato.
Adesso  tocca a voi l'ardua scelta di come vi piaccia di più.
BUEN PROVECHO!!!

Nessun commento:

Posta un commento