17 settembre 2013

Rucola, come seminarla e coltivarla

si quieres leerlo en Argentina icon
Nell'emisfero sud, in questi giorni sta arrivando la primavera e adesso più che mai dobbiamo farci trovare preparati al nascere e rinascere di ogni vita vegetale. Queste è il periodo dove più dobbiamo dedicarci al nostro orto urbano o non urbano che sia. Ricordiamoci sempre che tra i due emisferi, quello nord è quello sud, c'è una differenza di 6 mesi....quindi il loro mese di settembre corrisponde al nostro mese di marzo.
 Per chi comincia per la prima volta questa esperienza , il mio consiglio è di decidere in anticipo che cosa uno decide di coltivare, dedicandosi a poche piante inizialmente, per non perdersi d'animo immediatamente......dato che questo deve essere un piacere, un divertimento, un relax.....  
Come semina, io vi consiglio di cominciare con la rucola, che è un'erba perenne facile da coltivare, che non  richiede grandi attenzioni e che germinerà rapidamente. 

La rucola oggi è sta molto rivalutata in varie parti del mondo gastronomicamente, però non bisogna scordarsi delle proprietà che essa possiede: è ricca di vitamina C e di potassio.
Culinariamente, soprattutto , viene utilizzata nelle insalate, per le sue foglie così tenere e per quel gusto particolare che li dà, però qui in Italia viene utilizzata in tutti i modi possibili sia a crudo che utilizzando in diverse cotture:  nella pasta sia calda che fredda, con il riso, sulle  pizze, con i pesci o la carne, e che dire del pesto che si ottiene!! Questo lo vedremmo più avanti....
Prima di tutto dobbiamo occuparci dei semi se vogliamo utilizzarla in cucina!


La rucola può essere seminata dall'inizio della primavera fino alla fine dell'autunno; preferisce una temperatura media, dobbiamo tenere conto che non sopporta  molto il caldo e d'estate, molto sole diretto, farà sì che le foglie della rucola prendano un gusto molto più amaro.   

 

La rucola non necessita di vasi troppo profondi, dato che non ha delle radici molto grandi, e non necessita neanche di un terreno particolare. I semi sono veramente piccolissimi, io personalmente li spargo a raggiera sulla terra, così come cadono e dopo li copro con un leggero strato di humus e li innaffio molto delicatamente. Il terreno dovrà mantenersi umido, stando attenti a non eccedere, evitando i ristagni di acqua; già dopo pochi giorni vedremmo i nostri semi germogliare e dopo 3-4 settimane potremmo cominciare a raccogliere la nostra rucola. I tempi variano in base alla temperatura ed alla stagione, l'ideale sarebbe mantenerla sui 18-20°.
   
Dato che la rucola è un'erba a produzione continua, non bisogna tagliarla dalla radice, bensì taglieremo solo le foglie alla base.... eloro per ringraziarci continueranno a produrne altre fino a quando non arriverà il momento in cui fiorirà. 



Anche i fiori vengono utilizzati nelle insalate; per me ha un sapore troppo amaro...preferisco lasciarli sulla pianta affinchè producano i semi per la prossima semina!!!!


   

Questa é un'operazione
semplicissima: basta lasciare le piante fiorite sul terreno; metteranno i frutti che altri non sono che dei baccelli dove sono rinchiusi i semi. Una volta che le piante si sono seccate, possiamo tagliarle e prelevare i semi che conserveremo dentro dei barattoli di vetro, o comunque in un luogo asciutto e dove non possano inumidirsi.   
                                               
BUON LAVORO!!!!!

Nessun commento:

Posta un commento